mercoledì, gennaio 25

Mario Benedetti ....Tattica e strategia







La mia tattica è guardarti
imparare come sei
volerti come sei
la mia tattica è parlarti
costruire con parole
un ponte indistruttibile
la mia tattica è rimanere nel tuo ricordo
non so come
né so con quale pretesto
ma rimanere in te
la mia tattica è essere franco
e sapere che tu sei franca
e che non ci vendiamo simulacri
affinché tra i due
non ci sia teloni
né abissi
la mia strategia è
invece
molto più semplice
e più elementare
la mia strategia è
che un giorno qualsiasi
non so con che pretesto
finalmente abbia bisogno di me.


13 commenti:

  1. Hai pubblicato un bisogno e una speranza. Hai pubblicato un B/N bellissimo e pregnante.
    La mia tattica è entrarti dentro e poi uscire e riguardarti da fuori...anche perchè con tanta improvvisa abbondanza di post...

    RispondiElimina
  2. :) ...e' come con le ciliege, un post tira l'altro.

    RispondiElimina
  3. Cavolo! Dire che mi ci rispecchio è dir ... P O C O ! ! !

    RispondiElimina
  4. Molto bello ciò che hai scritto! Ciao!

    RispondiElimina
  5. ciao lucietta e Melinduzza...baci baci

    RispondiElimina
  6. il desiderio più umano del mondo: che la persona amata abbia bisogno di noi. Bellissimo che proprio quel verso, con quel significato, chiuda la poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Turista: Spesso poi capita che si abbia paura di dirlo...
      a presto

      Elimina
  7. Bello. E' come le ciliegie. :)

    Elisabetta?!?!?!?!?!?!?!? Bellissimo nome! Brava, Matta Elisabetta! :)

    Matt...eo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Matta a matt..eo: capisci a me!!!! °_*

      Elimina
  8. La mia tattica è trovare un pretesto.

    RispondiElimina
  9. hai trovato il bandolo allora! °__°

    RispondiElimina
  10. Ciao Elisabetta,non riuscivo ad entrare in molti blog,bella poesia e stupende immagine,ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max, bentornato!!!!
      Buona Giornata!

      Elimina