martedì, marzo 20

Plastinazione






La plastinazione è un procedimento che permette la conservazione del corpo umano tramite la sostituzione dei liquidi con polimeri di silicone. Questa tecnica rende i reperti organici rigidi ed inodori, mantenendo inalterati i colori. La plastinazione è stata inventata e brevettata dall'anatomopatologo tedesco Gunther von Hagens.
Von Hagens espone i corpi plastinati in pose caratteristiche. Nelle mostre, intitolate Körperwelten (in inglese Body World), i corpi alcune volte sono posizionati in maniera tale da ricostruire celebri opere d'arte, mentre altre volte assumono gesti atletici particolari. Infine, vi sono corpi sezionati per puri scopi didascalici. Nel fare assumere le diverse posizioni si fa estrema attenzione alla coerenza del gesto con il posizionamento dei vari elementi anatomici, in primo luogo dei muscoli.
  1. Imbalsamazione e dissezione anatomica Il primo passo del processo consiste nel bloccare i processi degenerativi pompando formalina nel corpo attraverso le arterie. La formalina uccide i batteri e blocca il decadimento tissutale. Usando strumenti da dissezione sono preparate le strutture anatomiche rimuovendo la pelle, il tessuto connettivo ed il tessuto adiposo.
  2. Rimozione dal corpo di grasso e acqua L’acqua ed i grassi solubili del corpo sono sciolti immergendo il cadavere in un bagno di acetone.
  3. Impregnazione a forza Questo secondo processo di scambio è il passaggio centrale della plastinazione. Durante l’impregnazione a forza del silicone (o un altro polimero analogo) rimpiazza l’acetone. Queste operazioni sono svolte in contenitori sigillati ed il silicone è inserito in questi contenitori in pressione in modo da penetrare in ogni cellula.
  4. Posizionamento Il corpo è posizionato nella posizione desiderata ed ogni struttura anatomica è fissata con l’aiuto di spaghi, aghi e mollette.
  5. Solidificazione Il passaggio finale è la solidificazione e il tempo ed il modo dipendono dal polimero usato. Certi polimeri solidificano per esposizione a gas, altri per esposizione a radiazioni UV ed altri ancora per esposizione a fonti di calore.
Il processo di plastinazione richiede in genere 1500 ore di lavoro ed un anno per essere completato.

7 commenti:

  1. Ne ho sentito parlare e avevo visto già qualche foto fatta da amici ad una mostra.
    A me, personalmente, fa impressione. Più che altro penso a quelle persone a cui appartenevano quei corpi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho vista e non e' per niente impressionante, a me e' piaciuta ma c'e' deformazione professionale in me ...

      Elimina
  2. non mi é tanto simpatica.. c'é già tanta plastica che un pò di ciccia non guasta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SAPESSI COME SONO D'ACCORDO CON TE ...!!!!*___°

      Elimina
  3. ... ancora? ahahahahah, non so perchè ma mi fa impressione!

    RispondiElimina
  4. Usare dei cadaveri come arte è molto orrido.Purtroppo anche questa è ARTE.Complimenti all'ARTISTA.

    RispondiElimina
  5. Anonimo, conosci miglior opera d'arte del corpo umano? cosa c'e' di orrido nel tuo corpo?Non e' piu orrida l'immagine di un corpo liquefatto e ciucciato dai vermi ? vai a vedere la mostra che e' arte e nel contempo scienza.... io trovo più orripilanti alcuni esseri che respirano e che vestono alla moda...
    grazie per la visita e per l'opinione espressa che ovviamente rispetto
    a presto Elisabetta

    RispondiElimina