venerdì, novembre 30

Eugenio Montale, Le occasioni



Non recidere, forbice, quel volto

Non recidere, forbice, quel volto, 
solo nella memoria che si sfolla, 
non far del grande suo viso in ascolto 

la mia nebbia di sempre. 

Un freddo cala... Duro il colpo svetta. 
E l'acacia ferita da sé scrolla 
il guscio di cicala 
nella prima belletta di Novembre.

4 commenti:

  1. E' lui che ha scritto:

    " La luce si fa avara/amara l'anima..."

    ?

    Novembre e i venti giorni di Dicembre, giù e giù e giù...

    RispondiElimina
  2. Si paolo ilverso che citi è nella poesia I limoni che apre la raccolta ‘’Ossi di seppia’’



    Ascoltami, i poeti laureati
    si muovono soltanto fra le piante
    dai nomi poco usati: bossi ligustri o acanti.
    lo, per me, amo le strade che riescono agli erbosi
    fossi dove in pozzanghere
    mezzo seccate agguantanoi ragazzi
    qualche sparuta anguilla:
    le viuzze che seguono i ciglioni,
    discendono tra i ciuffi delle canne
    e mettono negli orti, tra gli alberi dei limoni.

    Meglio se le gazzarre degli uccelli
    si spengono inghiottite dall'azzurro:
    più chiaro si ascolta il sussurro
    dei rami amici nell'aria che quasi non si muove,
    e i sensi di quest'odore
    che non sa staccarsi da terra
    e piove in petto una dolcezza inquieta.
    Qui delle divertite passioni
    per miracolo tace la guerra,
    qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza
    ed è l'odore dei limoni.

    Vedi, in questi silenzi in cui le cose
    s'abbandonano e sembrano vicine
    a tradire il loro ultimo segreto,
    talora ci si aspetta
    di scoprire uno sbaglio di Natura,
    il punto morto del mondo, l'anello che non tiene,
    il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
    nel mezzo di una verità.
    Lo sguardo fruga d'intorno,
    la mente indaga accorda disunisce
    nel profumo che dilaga
    quando il giorno piú languisce.
    Sono i silenzi in cui si vede
    in ogni ombra umana che si allontana
    qualche disturbata Divinità.

    Ma l'illusione manca e ci riporta il tempo
    nelle città rurnorose dove l'azzurro si mostra
    soltanto a pezzi, in alto, tra le cimase.
    La pioggia stanca la terra, di poi; s'affolta
    il tedio dell'inverno sulle case,
    la luce si fa avara - amara l'anima.
    Quando un giorno da un malchiuso portone
    tra gli alberi di una corte
    ci si mostrano i gialli dei limoni;
    e il gelo dei cuore si sfa,
    e in petto ci scrosciano
    le loro canzoni
    le trombe d'oro della solarità.

    RispondiElimina


  3. Invito - Italy
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e da visitare.
    Ho un blog molto semplice. Ti invito a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm non nello spazio Grullo mio, ti aspettano.
    Confessare, che sto seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, gioia e amicizia
    Auguri Brasileiras.
    www.josemariacosta.com


    Invitation - Inglês
    I'm Brazilian.
    Spent reading here, and visit.
    I have a very simple blog. I'm inviting you to visit me, and if possible follow together for them and with them. I always liked to write, expose and share my ideas with people, regardless of class Social, Religious Creed, the Sexual Orientation, or, of Ethnicity.
    To me, what will interest is our exchange of ideas, and, thoughts.
    'm there in my space Simpleton, waiting for you.
    Confess, that I am following your blog.
    Strength, Peace, Joy and Friendship
    Greetings Brasileiras.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benvenuto Josè, sara un grande iacere per me venire a farti visita sul tuo blog...ti ringrazio per la tua presenza qui.
      un abbraccio
      Elisabetta

      Elimina